Condizionatore d’aria – Come sanificarlo e risparmiare energia

Il climatizzatore è un elettrodomestico che ha la funzione di regolare il clima degli ambienti (da qui il nome “Climatizzatore”.

Il Climatizzatore è considerato a tutti gli effetti come un elettrodomestico e si utilizza per raffreddare gli ambienti nelle stagioni più calde, e se dotato di una pompa di calore, può anche riscaldarli nelle stagioni invernali.

Il Climatizzatore ci consente di avere ambienti freschi in estate, dove nelle notti di caldo torrido ci consente di riposare oppure di lavorare in tutto comfort senza subire il caldo; nel periodo freddo invece, è possibile utilizzarlo in alternativa all’impianto di riscaldamento tradizionale (ovviamente se dotato di pompa di calore) con il vantaggio di poter riscaldare  o raffrescare i singoli ambienti dove sono installati.

Per avere un Condizionatore che duri nel tempo, è necessario fare la manutenzione, al contrario di quanto si possa pensare, una buona parte possiamo farla da soli senza l’aiuto del tecnico e senza avere delle competenze specifiche.

Sto parlando della Sanificazione e la Pulizia Filtri, infatti, attraverso il condizionatore passano polveri, germi e batteri che se non ben sanificati e puliti possono provocare danni alla salute.

Assicurati di avere a portata di mano:

  1. Disinfettante antibatterico.
  2. Panno cattura polvere.
  3. Sapone neutro.

Il Decreto Legge 9/4/2009 sancisce proprio questo procedimento, appunto la Sanificazione, e prevede l’obbligo di effettuarla almeno ogni due anni.

Una buona Sanificazione farà funzionare meglio il Condizionatore e di conseguenza lavorando meglio (tutto l’impianto) durerà più a lungo nel tempo con un risparmio energetico da non sottovalutare.

Prima di tutto dobbiamo staccare l’alimentazione del Condizionatore (mi raccomando) e liberare l’unità esterna da eventuale polvere accumulata (anche per effetto dello smog cittadino); per questo possiamo utilizzare un pennello e liberare dalla polvere le pale della ventola oppure con un panno asciutto (meglio se catturapolvere).

Adesso smontiamo la griglia di protezione dell’unità esterna molto spesso l’unità esterna è installata nei balconi, quindi molta attenzione se dobbiamo salire su una scala per fare questa operazione, la sicurezza prima di ogni cosa. Procediamo quindi a pulire e liberare dalla polvere l’unità esterna ed il filtro, in questo modo lo scambio termico avverrà correttamente senza sforzare l’apparecchiatura e di conseguenza otterremo un risparmio di energia. Se l’unità esterna non è di facile accesso e non si trova in un posto agevole, meglio soprassedere e chiamare una ditta specializzata che sia attrezzata per questo intervento, non rischiare, non ne vale la pena.

Passiamo ora all’unità interna, apriamola e sarà sicuramente ben visibile il filtro dell’aria (semmai consultare prima il libretto di istruzioni del Condizionatore); attenzione a non confondere il filtro a carboni attivi, se fosse così non si può pulire ma bisogna sostituirlo.

Smontiamo il filtro e laviamolo senza problemi in una bacinella utilizzando per questo semplicemente acqua e sapone neutro, poi passiamo al risciacquo con abbondante acqua, facciamolo asciugare al sole ed infine facciamolo asciugare al sole.
In ferramenta o negozi del Fai da te, ci sono disinfettanti fatti a posta (come quello nella figura accanto, ma ce ne sono davvero tanti); spruzziamo un po sul filtro e lasciamo asciugare ancora qualche minuto

Ricordiamo di pulire periodicamente il Condizionatore liberandolo dalla polvere, sporco e impurità, queste semplici operazioni faranno si che duri di più e lavori meglio, respireremo un’aria pulita libera di batteri e per giunta risparmieremo energia, il tutto con una semplice operazione da fare da soli, che ne dici?

E’ buona cosa coprire l’unità esterna con un telo di protezione durante i periodi in cui non viene utilizzato, in commercio ci sono già pronti per pochi euro, in questo modo si evita l’accumulo di polvere e smog, tutte cose che gioveranno il nostro impianto.

Spero di esserti stato utile  😉

Buona energia a tutti!!!

 

 

Ing. Fernando Michelena

Energy Coach

Questa voce è stata pubblicata in Risparmio di energia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *